Monumenti naturali


Monumenti naturali

 

Grotta Zgornja Klevevška jama (superiore)tl_files/temp/Zgornja Klevevska jama.jpg

Posizionata vicino alla gola del ruscello Radulja sotto il rilievo, dove si trovano le rovine del castello Klevevž. Costituita da una galleria con 209 m di lunghezza, la grotta è colmata da depositi sul fondo. Rappresenta una delle grotte più lunghe di questa regione ed è asciutta, però con un po’ di fango sul fondo. Sono stati trovali stalagmiti e stalattiti, ma anche delle antiche ceramiche. In base alla leggenda dentro dovrebbe esserci nascosto anche un tesoro. Per ora non è ancora ordinata per visitatori.

 


Grotta Spodnja Klevevška jama (inferiore)tl_files/temp/Spodnja jama.jpg

Circa 10 metri sotto la grotta Zgornja Klevevška jama (superiore) si trova la grotta Spodnja Klevevška jama (inferiore) chiamata anche Ajdovska jama, dove si trova anche una sorgente ipotermale, che sgorga da una fessura nella parete con la temperatura di 21°C. Finora è l’unica grotta termale conosciuta. Fino ad oggi sono stati esaminati 518 m di gallerie, tuttavia anche queste non sono ancora ordinate per le visite. La grotta è interessante anche per la ricca fauna ipogea. Sono state scoperte due colonie riproduttive del ferro di cavallo euriale e del vespertilio maggiore e individuali ferri di cavalo minori e maggiori.

 


Gola del ruscello Raduljatl_files/temp/Soteska Radulje 4.jpg

Radulja è un ruscello lungo alcune decine di chilometri ed è l’affluente di sinistra del fiume Krka. Nel suo corso superiore, nel canyon più corto ma selvaggio con rive quasi verticali, il ruscello produce minori cascate e pendenze rumorose e frizzanti. Presso la sorgente Klevevška Toplica dunque inizia la gola di Radulja, che si innalza per circa 100 metri. Qui il Radulja si è incuneato profondamente nella fascia del calcare cavernoso, batte invece la pendenza con alcune cascatelle, che in un inverno rigido sono ostacolate dal ghiaccio, in primavera e autunno sono invece assai fragorose. In base alle rumorose rapide del Radulja è stato nominato anche il Klevevž, poiché Klingenfals significa “cascate cantanti”.



Sorgente Klevevška Toplica tl_files/temp/Smarjeske Toplice 133.jpg

Nella parte finale della gola presso la riva destra del Radulja c’è un affluente corto, la cui sorgente sgorga in superficie sotto una grande roccia e che è catturato in un minore bacino. Si tratta della sorgente ipotermale chiamata Klevevška Toplica con la temperatura tra i 21 e 25°C. Fu formata presso la stessa frattura della sorgente a Šmarješke Toplice. La Klevevška Toplica è adatta per i bagni.



Zdravci

La valle paludosa dove il ruscello Ratl_files/temp/DSC00896.JPGdulja serpeggia con fantasia, fu denominata dai locali con il nome Zdravci. La valle presso il Radulja rappresenta il fondo del golfo del Mare Pannonico d’un tempo, dopo invece ci fu probabilmente un lago. Quest’area vicino al Radulja, che durante intense piogge supera le rive e allaga la pianura, offre rifugio ad alcuni uccelli e animali, come gli aironi cenerini e bianchi maggiori, le lontre, i castori, i granchi di fiume, i caprioli, le volpi, i conigli selvaggi e i fagiani. La valle Zdravci è anche una ricca miniera di specie vegetali. In alcune parti l’area è interamente paludosa, coperta da carici e giunchi, sulla superficie più umida piena di piccole sorgenti possiamo invece avvistare il canneto. Presso il Radulja crescono esuberanti salici di cent’anni, che donano un aspetto inconfondibile alla regione.

For a better user experience and traffic analysis we avail cookies. By visiting this page you automatically agree to the terms of use. More information

Web Cookies